I Furbi

I furbi scendono la corrente come pesci bianchi
sulla cresta d’acque blu, oltre le rapide.
I furbi, con le loro gole e sopracciglia da furbi,
i loro furbi peli nel naso, entrambe le scarpe allacciate, tutte le tragedie cancellate,
denti splendenti.
I furbi non si scompongono. Anche le loro morti sono morti al quadrato, furbi furbi furbi.
Hanno case migliori, auto migliori, risate migliori.
Persino i loro incubi sono sogni sgargianti.
Questi furbi ti siedono di fronte, con un sorriso pulito, che li riempe, financo i capelli sprizzano nitore.
Quanto ho vissuto e quanti ne ho visti.
Sapete cos’è davvero la morte?
È uno di questi furbi rottinculo che ti stringe la mano e ti abbraccia.
Sapete cos’è davvero la morte?
Venite a vedermi mentre allungo la carta di credito
al cameriere disprezzandovi. O peggio.
BUKOWSKI

 

La dedico a tutto lo staff della Pro Loco di Grottaglie, che combatte contro una realtà a volte troppo ricca d’astio nei nostri confronti.

Non vogliamo nulla, non vogliamo togliere il “pane” a nessuno. Vogliamo solo fare il nostro lavoro ed essere rispettati. Forse è chiedere troppo?

error: I contenuti di questo sito sono protetti!