Articoli

Canti popolari

Immagine di repertorio

Associazione culturale: “Il canzoniere popolare grottagliese”.
 PENZU, RICORDU, CANTU…
Antologia analitica di canti della tradizione popolare grottagliese e jonico-salentina.
Il Canzoniere popolare grottagliese è diretto dal maestro Salvatore Abatematteo. Nasce nel 1988 e ad oggi ha realizzato innumerevoli spettacoli, in particolare concerti del suo vasto repertorio di brani popolari, sia in tournée sia in manifestazioni promosse e/o indette da Enti ed Associazioni pubbliche e private, in ambito locale e nazionale. Il gruppo è composto, tra l’altro, da cantanti e musicisti aventi una già collaudata esperienza nel campo della musica popolare, maturata in decenni di lavoro serio ed approfondito. Salvatore Abatematteo ha curato la trascrizione, gli arrangiamenti e l’armonizzazione vocale- strumentale di tutti i brani del repertorio. Ha compiuto i suoi studi musicali al Conservatorio di Bari: si è diplomato in Canto Artistico e in Canto Didattico seguendo i corsi della professoressa Rosa Pazienza. Ha conseguito i diplomi di “Musica Corale e Direzione di Coro” e di”Composizione”sotto la guida dei maestri A. Renzi, A. Di Martino, R. Gervasio e N. Rota.
Ha seguito poi, ottenendo eccellenti valutazioni, corsi di perfezionamento tenuti da musicisti e insegnanti del calibro di F. Donatoni, C. Berberian, D. Guaccero, R. Maraglino Mori e Mino Bordignon. Insegna Educazione Musicale presso l’Istituto Magistrale Vittorino da Feltre di Taranto, dove tra l’altro, da 25 anni ne dirige il Coro.
Il gruppo nasce nel 1988 con la costituzione della Cooperativa Culturale “Il Canzoniere Popolare Grottagliese”. Il suo primo nucleo è composto da cantanti e musicisti, alcuni dei quali provengono dal “Piccolo Teatro di Grottaglie”, aventi una già collaudata esperienza nel campo della “musica popolare”. Per citare alcune delle esperienze vissute da questi ricordiamo lo spettacolo tenuto in occasione del XV Convegno della Magna Grecia nel 1975 a Taranto; i concerti seguiti nel corso delle edizioni 1977-1978 del “Festival della Valle d’Itria” a Martina Franca (TA); la partecipazione al “Settembre Culturale” di Sesto Fiorentino (FI) nel 1977; il “Palio della Svolta” di Figline val d’Arno (FI) nel 1994, in occasione del quale il gruppo rappresentò la Puglia nella tradizione musicale folcloristica; nel novembre 1996, nel corso di una puntata del programma televisivo di Canale 5 “Paese che vai”, girata a Grottaglie, il Canzoniere fu invitato a rappresentare con alcuni brani la tradizione musicale popolare grottagliese. Sono questi decenni di svariate ed eterogenee esperienze che si fondono sotto la sapiente guida del maestro Salvatore Abatematteo, per far tornare “a nuova vita” una raccolta di canti popolari. La raccolta, che comprende una quarantina di canti, otre che molte poesie, stornelli e “cunti” (racconti di varia natura e dimensione), è frutto della ricerca, durata quasi un’intera vita, del grottagliese Emanuele Esposito, di professione viticultore e ceramista e per passione, grande cultore ed instancabile ricercatore delle tradizioni popolari della nostra terra. Questi decide di mettere la raccolta nelle mani di Salvatore Abatematteo, che conosce dall’adolescenza e del quale apprezza la serietà e l’onestà intellettuale, oltre che le qualità artistiche e professionali nel campo della musica.
Tra i canti della raccolta ricordiamo: “Innu alla Matonna tì lu Carmnu” (Inno alla Madonna del Carmine), “La Notti ti Natali” (La Notte di Natale), “Munachella” (Monachella), “Panarino” (Cestino), “Polici” (La Pulce), “Mieru” (Vino), “Tiscitativi Vagnuni” (Svegliatevi Ragazzi). 
 
 
LA NOTTI TI NATALI                                                          LA NOTTE DI NATALE              
 
Ué la notti ti Natali                                                                     La notte di Natale
È la festa ca cchijù ni vali                                                          è la festa che ha più valore
Ca nascìu nostru Signore                                                           perché nacque nostro Signore
Int’a ‘na povira manciatora                                                        in una povera mangiatoia.
 
Stava ddà n’asiniéddu,                                                               Stava là un asinello,
San Ciséppu lu vécchjriéddu                                                     San Giuseppe il vecchierello 
e pi ‘lu friddu ca facea                                                               e per il freddo che faceva
Maria a lu còri si Lu strincea.                                                    Maria al cuore se lo stringeva.
 
San Ciséppu tinea la fassa,                                                         San Giuseppe manteneva la fascia
la Madonna lu spraniu e Lu ‘nfassa                                           la Madonna il panno e Lo fascia
e no’ tinea ccummitora                                                               e non avendo dove poggiarlo                                                           
e Lu curcò int’ la manciatora.                                                    Lo coricò nelle mangiatoia
 
Iu m’acchjeu a dda via:                                                              Io mi trovai in quel luogo
“Cé Ti tò mamminu mia?                                                           “Che Ti do Bambino mio?
Tegnu ‘nu còri ‘ntrapulatu                                                          Tengo un cuore intrappolato
Tuttu chjnu ti piccatu”.                                                               Tutto pieno di peccati”.
 
Mò ca l’Ancili t’lu ciélu                                                             Ora che gli Angeli del cielo
Ni ticera lu mistéru:                                                                    ci svelano il mistero:
ca sobb’ la terra era natu                                                             sulla terra era nato
lu Fuggju ti Quiru ca nn’ha criatu.                                             il Figlio di Colui che ci ha creati.
 
Mamminiéddu santu e toci                                                         Bambinello Santo e dolce
T’agghju nnuttu quattro nuci                                                      Ti ho portato quattro noci
E ti li cazzi e ti li manci                                                              e le schiacci e le mangi
T’accussi Signurìa no’ chjanci.                                                  così Tu (Signore) non piangi.
 
Mamminiéddu toci e amatu                                                        Bambinello dolce e amato
T’agghiu nnuttu ‘na picciddata                                                   Ti ho portato un pezzo di pane
E ti li manci Signurìa                                                                  e lo mangi, o Signore
Cu Ciséppu e Maria.                                                                   con Giuseppe e Maria
 
Mamminiéddu tré voti Santu                                                      Bambinello tre volte Santo
Figghju a Ddeu e a llu Spiritu Santu,                                          Figlio di Dio e dello Spirito Santo,
Nna grazia Ti cerca lu còri mia                                                  una grazia Ti chiede il cuore mio
Cu Ti ricuerdi a ll’ultima tìa.                                                      che Ti ricordi (di me) nell’ultimo giorno.
 
Mamminiéddu Tu n’è amari                                                      Bambinello Tu ci devi amare
T’li puriéddi no t’n’è scirrai                                                       dei poveri non Ti devi scordare
Ca simu tutti com’a Tia                                                              perché siamo tutti come Te
‘bannunati mienz’a lla via.                                                         abbandonati in mezzo alla strada.
 
 
 
 
MIERU                                                                                      VINO
 
Miéru, miéru, miéru lla lla,                                                         Vino, vino, vino la la
Quist’è llu miéru ca faci cantà                                                    questo è il vino che fa cantare.
 
Quanta bicchieri ti miéru mi bbevu                                            Quanti bicchieri di vino bevo
Tanta pinziéri ti n’capu mi llevu.                                               Tanti pensieri dalla testa mi levo.
 
Miéru, miéru, miéru lla lla…                                                       Vino, vino, vino la la…
 
Tammi lu srulu e no’ llu bbicchieri,                                           Dammi la brocca e non il bicchiere 
Svaca pinziéri, svaca pinziéri.                                                    Cancella i pensieri, cancella i pensieri.
 
Miéru, miéru, miéru lla lla…                                                       Vino, vino, vino la la…
 
Nasci e cresci sobb’lu cipponi                                                    Nasce e cresce sul ceppo di vite
T’lu paramiéntu a llu capasoni.                                                  Dal palmento alla giara.
 
Miéru, miéru, miéru lla lla…                                                       Vino, vino, vino la la…
 
Ci a ggiuvintù mi tava fortezza                                                  Se in gioventù mi dava vigore
Mò ca so vécchju mi tè allecrezza.                                             Ora che sono vecchio mi dà allegria.
 
Miéru, miéru, miéru lla lla…                                                       Vino, vino, vino la la…
 
L’òmu ti miéru quanta camina                                                   L’uomo di “vino” quando cammina
‘nca t’la gghjésia vé a lla cantina.                                              Invece che in chiesa va alla cantina.
 
Miéru, miéru, miéru lla lla…                                                       Vino, vino, vino la la…
 
Cu’ paisani e cu’ furastieri                                                         Con paesani e forestieri
È méggju lu miéru ti la muggjéri.                                              È meglio il vino della moglie.
 
Miéru, miéru, miéru lla lla…                                                       Vino, vino, vino la la…
 
‘nfign’a ca campu cu’ me t’è stai,                                              Finché vivo con me devi stare,
allécr’ allécru tu m’è purtai.                                                       Allegro allegro mi devi accompagnare.
 
Miéru, miéru, miéru lla lla…                                                       Vino, vino, vino la la…
 
 
 
MUNACHELLA                                                     MONACHELLA
La mamma munachella mi vòsi fari                         La mamma monachella mi volle fare
Cumpìti no’l’avea li quindici anni.                           compiuti non avevo quindici anni.
 
La prima nòtti ca turmìu ‘ncunvéntu                        La prima notte che dormii in convento
Venni l’amori mia cu’la catarra.                               venne il mio amore con la chitarra.
 
S’affaccia la patessa t’la finestra:                              S’affaccia la badessa dalla finestra:
“Ci è stu cani can latra qua fori                                 “Chi è questo cane che latra qui fuori?”
 
lassa patessa mea, lassa cantari                                Lascia badessa mia, lascialo cantare
Ch’è lu primu amòri e no’ si pò scurdari.                 Perché è il primo amore e non lo posso dimenticare.
 
Lu còri pozza scuri’a ci munaca mi feci                   Che il cuore di chi mi fece suora si possa spegnere
Comu scurìu la lampada a Santa Chiara                   così come si spense la lampada di Santa Chiara