Articoli

Lu capasone (The great jug)

The “capasone” is a huge container, made for keeping and fermenting wine’s must. In order to produce it, people used a particular kind of clay, called “argilla col nervo”, that was pull out from Grottaglie’s mines. This clay allowed people to produce large-sized objects. Unfortunately today is really expensive to pull it out, so “capasoni” are not produced anymore.                                                                                                                 This artifact was crafted in two different parts, a lower and an upper one, then joined by a mix of clay and a lot of water, called “barbottina”. Handles are attached only at the end.

“Capasone” then and now

Originally the “capasone” was an essential need, used for wine preservation.                                                      Over the years it became a valuable and ornamental object. Now some people put plants and flowers in it.

 

Written by:

Albano Nicola                                                                                                                              Palmieri Natasha                                                                                                                        Pappadà Raffaella                                                                                                                    Piergianni Annachiara                                                                                                              Quaranta Serena                                                                                                                        Spagnulo Caterina

InPuglia365 per il Natale 2016

La Pro Loco di Grottaglie, per l’anno 2017, ha partecipato al Bando Regionale InPuglia365.

L’offerta ha visto coinvolti i legami storico-culturali, legati alla tradizione presepistica, esistenti a Grottaglie.

Pertanto, presso la sede (CIT l’Acchiatura – Pro Loco Grottaglie, via Vittorio Emanuele II s.n.c.) è stata organizzata una mostra di presepi in carta pesta, di Graziano Di Summa, di Scuola Napoletana.

Si è portata a conoscenza la storia legata al Presepe di Stefano da Putignano, del 1530, presente nella Chiesa del Carmine di Grottaglie.

Inoltre, si sono scoperte le ‘Trombe’ (tipico manufatto ceramico risalente alla tradizione ebraica) legata alla Cappella dei SS Pietro e Paolo. Fondazione Festa delle Trombe

Non è mancata la passeggiata nel Centro Storico alla scoperta delle ‘nchiosce, delle tipiche balconate e i vari periodi d’edificazione.

È stata questa l’occasione per coninvolgere le scuole dell’infanzia (In treno alla Mostra dei Presepi) e le Scuole Primarie di Secondo Grado (liceo G. Moscati); associazzioni di settore (Il club del Maggiolino,I maggiolini alla Mostra del Presepe).

Non è mancata l’accoglienza turistica e la divulgazione del cartaceo (InPuglia365 e amministrativo).

In questo caso gli studenti del Liceo Moscati, nel progetto dell’alternanza scuola-lavoro, hanno:

  • divulgato materiale cartaceo informativo nelle botteghe e nelle attività ricettive

Per visualizzare la gallery clicca qui